macchieurbane

Camminata anticolonialista a Firenze

Si parte da Piazza San Marco e si arriva in Piazza Tasso
Durata circa 2 ore

Targhe, monumenti, edifici, intitolazioni di vie costellano Firenze a “glorificazione” del colonialismo italiano e a “legittimazione” della superiorità della razza: uno dei pilastri che ha “giustificato” l’imperialismo italiano in Africa.

Un passato coloniale rimosso nel mito degli “italiani brava gente” e che tace sui massacri delle popolazioni civili, le torture e le esecuzioni sommarie dei partigiani indipendentisti, i bombardamenti con le armi chimiche.

Un passato coloniale che spesso è perfettamente coincidente con il periodo fascista.
Una camminata nei luoghi del colonialismo italiano a Firenze è riappropriazione di una memoria storica antifascista, anticolonialista, antirazzista

Clicca sui link qua sotto per ascoltare gli audio delle tappe..

Introduzione alla camminata

Tappa 1 – Targa per Antonio Baldissera (Piazza San Marco)

Tappa 2 – Centro Studi Erbario Tropicale (Via La Pira 4)

Tappa 3 – Istituto Geografico Militare (Via Cesare Battisti 10/12)

Tappa 4 – Targa a Michelazzi e Magnani (Via della Colonna – Liceo Michelangelo)

Tappa 5 – Insegna Mokarico (Via Sant’Egidio)

Tappa 6 – Museo di antropologia e etnologia (Via del Proconzolo)

Tappa 7 – Memoriale ai caduti fascisti (Cripta di S.ta Croce)

Tappa 8 – Ercole che lotta con il leone (Piazza Ognissanti)

Tappa 9 – Atelier Romanelli (Borgo San Frediano 70)

Tappa 10 – Monumento ai caduti (Piazza Tasso)

la mappa con tutte le tappe della firenze coloniale

Visualizza a schermo intero

Camminata Anticolonialista

Domenica 6 marzo 2022

Partenza : ore 15 in Piazza San Marco
Arrivo: in Piazza Tasso
Durata: circa 2 ore


Targhe, monumenti, edifici, intitolazioni di vie costellano Firenze a “glorificazione” del colonialismo italiano e a “legittimazione” della superiorità della razza: uno dei pilastri che ha “giustificato” l’imperialismo italiano in Africa.

Un passato coloniale rimosso nel mito degli “italiani brava gente” e che tace sui massacri delle popolazioni civili, le torture e le esecuzioni sommarie dei partigani indipendentisti, i bombardamenti con le armi chimiche. Un passato coloniale che spesso è perfettamente coincidente con il periodo fascista.

Una camminata nei luoghi del colonialismo italiano a Firenze è riappropriazione di una memoria storica antifascista, anticolonialista, antirazzista.

Scegliemmo la montagna

Domenica 13 giugno 2021

Radio Wombat & NextEmerson presentano:

Scegliemmo la montagna

Storie e memorie di resistenza partigiana disseminati su tre sentieri che toccano i luoghi simbolo di quella che è stata una parte importante della guerra di resistenza nelle campagne fiorentine.

Tre percorsi che convergono al cippo di radio CoRa nell’anniversario dell’uccisione per mano nazi-fascista delle persone che avevano sviluppato il progetto della radio pirata, strumento rivelatosi indispensabile nella guerra di liberazione dalle forze occupanti.

Durante le passeggiate racconti e collegamenti radio.

Percorso 1 – Partenza ore 10 alla Cappella di San Jacopo (Piazzale di Ceppeto)
Percorso 2 – Ritrovo alle 9.30, partenza alle 10 dal csa NextEmerson, in via di Bellagio a Castello
Percorso 3 – Ritrovo ore 9 al cippo in Via della Terzollina, località Serpiolle

Al cippo di Radio CoRa ad accogliere i gruppi ci sarà la regia Wombat, un pranzo a panini e la Fanfara de La leggera: “canti e sonate di tradizione orale dalla val di Sieve”.